ZENER 1992

I CONSIGLI GIUSTI PER SBAGLIARE IN BORSA. Così se perdete i vostri soldi non venitemi a dire che non ve lo avevo detto. mail: zener.blog@gmail.com Sono su Skype: zener

mercoledì, maggio 30, 2007

DOTT. PRODI E MOLIERE

l'amico Impre mi da questo spunto.
Prodi " la mia cura è quella giusta basta liti o me ne vado".

Jean Jaques de Poqueleine (in arte Moliere) nel suo "Il malato immaginario" racconta di un personaggio ipocondriaco - Argante - ed il suo dottore, tale Purgone, che parlava proprio come Prodi.

La storia finì con Argante che una volta toltosi dalla palle il Dott. Purgone e le sue purghe, tornò a stare bene come non mai.

10 Comments:

At 7:31 AM, Anonymous Anonimo said...

Ci pensavo anch'io
Ed in effetti da quando "sorriso ebete" è andato via stiamo molto meglio!

 
At 10:10 AM, Anonymous Anonimo said...

Zener, ammetti che le spese del nostro elefantiaco e parte inutile apparato pubblico sono enormi, per non parlare del debito pubblico ereditato da una generazione che si è arricchita sulle spalle dei posteri. Questi hanno bisogno di cassa e clientela ecco perchè non hanno il coraggio di riformare il fisco. La destra, che ha governato 5 anni e che voleva fare di tutto e di più, lo stesso ha dovuto rinunciare alle grandi riforme e ha fatto cassa con provvedimenti ad hoc, ma non ricorrenti. Il risultato e che per fare le riforme vogliono quattrini sicuri, allora lotta all'evasore con un fiume di norme e cazz... che non piacciono a nessuno. Tu che proponi per fare cassa?

by Mat

 
At 10:16 AM, Anonymous Anonimo said...

La verita caro Zener e che in Italia i dottor Purgone sono necessari, quasi indispensabili, almeno ogni 5 anni. Ammenoche non si abbia il coraggio di riformare le istituzioni dello Stato, togliere le provincie, gli enti inutili e la scorta ai VIP amici degli amici, ma soprattutto mandare in galera i ladri anche se appartenenti alla casta degli intoccabili.

by Mat

 
At 12:57 PM, Anonymous Anonimo said...

cosa propongo per fare cassa?
Avrei molte idee ma parto dal punto che più mi sta a cuore:
AUTO BLU: taglio del 90% (saremmo sempre primi con gli USA...)
PARLAMNENTARI: tagli del 30%; tagliare inoltre i vitalizi che già si accumulano con alte e facili pensioni (di cui riformerei i generosi coefficienti).
ENTI LOCALI: via subito le provincie.
DIPENDENTI PUBBLICI: ne abbiamo il 30% in più rispetto alla media europea....ed il 47% del PIL è prorpio assorbito dal settore pubblico.
TAGLIO SPESE MILITARI: sempre all'incirca 20 mliriadi l'anno...tra i primi 7 paese al mondo...nella cifra non sono comprese le spese per missioni che sono finanziate con capitoli di spesa approvati ad hoc.
Queste una parte delle mie idee.
Zener

 
At 2:18 PM, Anonymous Anonimo said...

Finalmente uno che parla chiaro,che ha idee e sopratutto si capisce quello che dice....perchè io dalla classe politica non ho capito quello che vogliono fare....quello che di sicuro ho capito è che ci spremono come i limoni...Zener butati in politica avrai il mio sostegno ciao.

 
At 2:33 PM, Anonymous Anonimo said...

tagli del personale a scapito di chi? Ammettendo che si faccia quello che dici, tranne ovviamente i tagli ai ministeri e delle auto blu, si avrebbero oltre 200000 (forse) persone in mobilità o le vuoi pre-pensionare? E he impatto avrebbe questo sull'economia dei consumi e sull'esposizione delle banche per prestiti o mutui? Le cose si fanno con calma se riguardano l'occupazione. Per i tagli sono daccordo e credo che già li facciano, ma non bastano.

by Mat

 
At 2:35 PM, Anonymous Anonimo said...

forse 200000 sono troppi?
:-)
comunque....


by Mat

 
At 4:39 PM, Anonymous FB said...

Taglio spese militari: basterebbe rendere efficiente lo strumento. In pratica c'è infinitamente troppo personale in uniforme che non fa un tubo. Esempio: più di 1200 Ufficiali Generali a fronte di una, esagero, cinquantina di comandi operativi e territoriali, Brigate comprese.

I tagli li hanno fatti, dove non avrebbero mai dovuto farli: investimenti in mezzi operativi e personale giovane (i famosi volontari). E non sfoltendo il personale più anziano.

Abbiamo Generali a due stelle che comandano istituti che nell'elefantiaco esercito degli anni '40 erano comandati da Colonnelli. Un Colonnello comandante di reggimento, nel 1942, aveva sotto di sé almeno 3.000 uomini. Oggi un Colonello comanda quello che viene chiamato un Reggiglione, e cioè un Battaglione travestito da Reggimento, con, se va bene - ma proprio bene - un migliaio di persone sotto di lui (ed un Ten Col a comandare il Battaglione). E' qui che si deve intervenire: la spesa per il personale DEVE essere razionalizzata. Avanti di questo passo i già scarsissimi soldati semplici, scompariranno del tutto.

 
At 4:53 PM, Anonymous e-steban said...

Mat,
a me non sembra che si facciano molti tagli nel settore pubblico e ti porto un esempio.
Mio figlio frequenta la stessa scuola elementare che io frequentavo la bellezza di trenta anni fa.
Ai miei tempi c'erano 5 sezioni per cinque classi (dalla 1° alla 5°) di circa 25-30 alunni, più un UNICO bidello (come si chiamava allora). Ovviamente le maestre erano una per classe. Totale 26 dipendenti per circa 650-700 bambini (grosso modo).
Ora ci sono 2 sezioni con tre insegnanti (esclusi quelli di sostegno che sono un sacrosanto diritto dei bambini con problemi)per cinque classi formate mediamente da 20 bambini + 5 Bidelli. Totale 20 persone per circa 200 bambini.

Morale:
30 anni fa una media di un dipendente pubblico ogni 25 bambini.
Oggi 1 ogni dieci.

Sarà anche un esempio del cavolo però non mi sembra neanche corretto dire che per fare lavorare le banche dobbiamo riempirci di dipendenti pubblici.

un saluto

e-steban
Ciao

e-steban

 
At 6:52 PM, Anonymous Anonimo said...

X Esteban
fotografavo la situazione attuale.
Per quello che so non si fanno concorsi pubblici da almeno 10 anni. Sono state privatizzate IRI , FFSS e Poste e molti altri servizi (esattorie, municipalizzate, ecc.). I tagli nei Ministeri ci sono stati a scapito dei servizi logistici. L'Esercito a chiuso un'infinità di caserme, tagliato Comandi, unificato le direzioni generali. Si può fare meglio, ma questi sono fatti.

Bi Mat

 

Posta un commento

<< Home