ZENER 1992

I CONSIGLI GIUSTI PER SBAGLIARE IN BORSA. Così se perdete i vostri soldi non venitemi a dire che non ve lo avevo detto. mail: zener.blog@gmail.com Sono su Skype: zener

martedì, giugno 26, 2007

STUDIO DI SETTORE: BAR

Ebbene eccomi qui a sbugiardare gli studi di settore con tanto di programma Gerico 2007....quello originale scaricato dal sito delle Finanze.
La "cavia" è un bar che ho rinominato "il Bar dell'evasore Sas".
Lo studio è il TG37U per il codice attività 5540A.

Vi propongo due studi:
Questo è quello con i dati reali
Questo è quello con dati sballati.
Il risultato -sostanzialmente - non cambia.
Andiamo quadro per quadro analizzando le differenze.

Quadro B: unità locale destinata all'attività.
Superifici di attività: le ho decuplicate
Giorni di apertura: ne ho messi ben 3.313 contro i 313 reali....in un anno ce ne sono massimo 365....non rileva l'incongruità.
Prezzi: un caffè al banco 200,00 euro (0,80 reale) al tavolo 2.000,00 euro (0,80 reale); una bottiglietta acqua da 0,50 Lt l'ho messa a 50,00 euro (0,80 reale); il cappuccio 100,00 euro (1,00 reale); ecc......vietato l'ingresso ai barboni!

Quadro D: elementi specifici
Beh qui mi sono sbizzarito alla grande.
Costo acquisto birre: circa 6,40 milioni di euro e circa 5 milioni per il vino (il programma non rileva l'incongruità con i dati contabili dell'acquisto merci che è di circa 79mila euro....per fortuna che dicono che è strumento affidabile);
numero di etichette di vini, birre e distillati? intorno alle 6mila qualità contro un dato reale inferiore alla decina.

Quadro E: beni strumentali
Bancone del bar in metri: reali sono 6 ...io ne ho messi 6mila kilometri...tiè la muraglia cinese ti dichiaro come bancone del bar!
Banco frigo capacità in litri: reale 400 litri....io ne ho messi 4 miliardi di litri.
Numero gruppi macchina caffè: reali sono 4 io ne ho messi 4 milioni...sia mai che la mattina non bastino!
Lavastoviglie? reale 1 io ne ho messe ben 10.000.
e via dicendo

RISULTATO
Congruità: non cambia una virgola.
Coerenza: cambia di qualche zero e virgola.
Probabilità di appartenenza: con i dati sballati il "mio" bar diventa una enoteca invece che un bar con somministrazione di panini.

COMMENTO
se questi sono gli "affidabili strumenti di controllo" la lotta contro l'evasione ha da aspettare.
Tante informazioni - come dimostrato qui dallo stesso programma delle agenzie delle entrate - sono pretestuose ed inutili per il calcolo ma utili - in caso di verifica - solo per elevare sanzioni per "infedele dichiarazione"..cioè il fisco punta a punire la forma e non la sostanza delle cose.
Non parliamo poi di erti esponenti dell'Amministrazione finanziaria e del Governo in merito alle dichiarazioni di qualche giorno fa sulla mancata indicazione negli studi dei fornelli dei ristoranti. e dei taxi ...come ha dimostrato lo stesso programma sono inifluenti al fine del calcolo e alla lotta all'evasione....sono quindi dichiarazioni fatte in malafede o senza cognizione alcuna.
Ora chi vuole può scaricarsi questi "affidabili strumenti" e testare la loro efficacia quale prova "grave, precisa e concordante" volta alla lotta dell'evasione.
Censura.

19 Comments:

At 7:48 PM, Anonymous FB said...

Zener, qualcuno ti dovrebbe dare una medaglia. Quello che fai qui sopra è meritorio davvero, la gente dovrebbe sapere a quali immani prese per i fondelli sia sottoposta una parte d'Italia.

Comunque resto della mia idea: noi, tutti noi, siamo le mucche da mungere. Gli studi di settore un politico non li fa, e si guarda bene dal proporli per la categoria.

Sono loro, e i loro amici delle ex municipalizzate e del sottobosco politico, quelli che ci affamano. Un Paese che ha pensioni sociali e minime che sono al di sotto del livello di sussistenza ma che si permette di pagare un consigliere di circoscrizione 1.000 euro al mese (per "lavorare" due o tre sere al mese...), si merita anche la presa per il culo degli studi di settore. Mi spiace dirlo, ma è così: i miliardi di tasse che ogni anno noi italiani paghiamo, vengono utilizzati per prenderci per il culo. Solo per questo. Che sia con le pensioni sociali e minime, che sia con gli Studi di Settore e tutto il resto della impossibile regolamentazione fiscale del nostro paese, la sostanza è siamo presi per il culo da chi ci governa. Il più sfigato dei politici, quelli nelle circoscrizioni, riescono a portarsi a casa 1.000 euro al mese. Mi pare che la media degli impegni sia di tre, massimo quattro sedute mensili. 4 giorni di lavoro. Voi, quanto dovete lavorare per portarvi a casa tanto?

 
At 7:55 PM, Anonymous Anonimo said...

fB
rinuncio alla medaglia.
Magari la scambierei con un po più di serietà ed onestà da parte di chi ci governa.
Peccato che invece invogliano la gente alla lotta di categorie con l'uso della menzogna.
Il post sugli studi ce l'avevo qui...non è farina del mio sacco..il programma è quello delle finanze.
eppure quanti paroloni e quanta demagogia si fa su di esso.
zener

 
At 9:56 PM, Anonymous Anonimo said...

A questi interessa solo riscoutere, della giustizia fiscale non gli importa un fico. Il tuo esempio è lampante.

Non l'azzeccano neanche coi studi di settore, so proprio deficienti.

Se uno a 10000 mq di locali, può dichiarare quanto quello di 65 mq.
O so incapaci o so stupidi, quindi posseggono le qualità indispensabili per governare l'italietta.

By Mat

 
At 10:00 PM, Blogger Selor72 said...

Grande Zener!

 
At 10:02 PM, Anonymous Anonimo said...

Zener con te alle finanze gli evasori avrebbero di che piangere, a te non sfugge l'incogruità dei dati.
Hai il mio appoggio se ti candidi.
Non dirmi però che distruggeresti Gerico come fece Giosuè.

by Mat

 
At 10:28 PM, Blogger Il Gatto Nero said...

caro zen
la giornata pesa (visita di due Agenzie delle Entrate diverse e tour de force canonico del periodo -oramai è sempre periodo peso-) non mi ha permesso di vedere i 2 studi che comunque ho scaricato e dopo cena (sigh! come libero prof vado a cena normalmente a quest'ora) me li "studio"
:)

 
At 11:47 PM, Anonymous gain+ said...

vabbè, che molti dati presenti negli studi di settore siano solo statistici è chiaro e risaputo

alcuni potrebbero influire sulla determinazione della categoria di appartenenza

la cosa incredibile però è che spesso certi dati che possono sembrare importanti per la determinazione del ricavo puntuale, in realtà non servono a nulla. In quei casi ci rimango proprio male.

Per esempio hanno voluto approvare lo studio di settore anche per il codice residuale 74878 che ricomprende infinite tipologie di attività. In questo caso influisce praticamente solo il prospetto contabile (e neanche tutto). Gli altri dati sono assolutamente inutili.
Si vede quindi come ritengono di poter fare i controlli solo con gli studi di settore, per semplificarsi la vita.

 
At 12:57 AM, Blogger Melanippe said...

"Alcune persone vedono un'impresa privata come una tigre feroce da uccidere subito, altre come una mucca da mungere, pochissimi la vedono com'è in realtà: un robusto cavallo che traina un carro molto pesante."
(Churchill)

...impareranno mai?
:(

 
At 8:45 AM, Anonymous Anonimo said...

Secondo me con questo tipo di studi di settore stanno distrugendo tutto il patrimonio dell'artigianato,faranno chiudere tutte le piccole botteghe, non ci saranno più i negozietti di fiducia sotto casa dove anche le persone anziane oltre che fare la spesa scambiavano quattro chiacchiere,tutto questo patrimonio andra perso ,tanto ai politichesi che gli e ne frega, l'importante è favorire la costruzione dei mostri, grossi centri comerciali.ciao Zener continua cosi Rina

 
At 9:24 AM, Anonymous FB said...

Zener, la medaglia mica la puoi rifiutare così, e nemmeno scambiarla. E' tua e la devi portare con orgoglio :-))

Il fatto che la volontà ferina che muove Visco, quello con villa abusiva a Pantelleria, altra faccenda in cui si può tastare il polso della sua volontà, è proprio quello che scriva gain+: questo qui vuole rendere gli Studi di Settore validi quali prove in via presuntiva. In questo modo si eviterebbero ai signori addetti ai controlli un sacco di lavoro, per Visco si direbbe inutile.

Ma allora che lo dica, no? Lui è un profesore universitario di economia. Ora, io non so che cosa si insegni di preciso alla "sua" facoltà, ma a me sembra che tuttora, a partire dalle superiori a ragioneria, fino ai Master postuniversitari la regola sia che la base su cui si fonda la vita di un'azienda siano il Conto Economico (Conto Profitti e Perdite) e lo Stato Patrimoniale. Il Bilancio, insomma.

Quanti decenni si sono spesi per convincere gli imprenditori (in questo moltissimo hanno fatto i professionisti come te, Zener) che senza una contabilità ben tenuta, senza una sana amministrazione che si esplica in un Bilancio con la maiuscola, è inutile stare a parlare di impresa? Quanti hanno seguito il (anche) vostro consiglio? E ci hanno investito risorse, cioè tempo e danaro?

E che sia il Bilancio la carta fondamentale di un'azienda lo dice ammette (fino ad oggi) anche il fisco, probabilmente di malavoglia, dato che le verifiche (e le eventuali multe e sanzioni) le si fanno sui Bilanci, non su altro. Se lui vuol dare un calcio a mezzo millennio di scuola di Ragioneria (ma anche di più: i primi tentativi di contabilità e partita doppia risalgono al Medioevo, quando si misero in atto i primi sistemi efficaci di rendicontazione, ad esempio nelle Abazie, Economia agricola), basta che lo dica, fa una bella legge che dice: nel cesso i Bilanci, valgono solo gli Studi di Settore. Potrebbe anche andare bene, se ci si ritrovasse a semplificare la questione fiscal-cartacea in azienda. Ora come ora bisogna far tanta carta: Bilancio Civilistico, Bilancio Fiscale. Redazione del Bilancio in forma europea. Poi gli Studi di Settore (E tralascio la consueta carta da riempire, cioè i famosi registri e libri contabili, su cui però, ripeto, si basa la vita di un'azienda). Invece qui si arriverà alla solita presa per il culo all'italiana in cui, che so, la banca e la Borsa (per chi ci si quota), guarderanno i Bilanci e su questi fonderanno la loro opinione sull'azienda. Dall'altro avremo il Fisco che, scontento e insoddisfatto di un Bilancio pur redatto secondo i suoi gusti, quello fiscale, ci dirà che per lui vale lo Studio di Settore.

E sono pronto a scommettere che se una cosa del genere, in qualunque forma anche attenuata, dovesse passare in Parlamento (a proposito, grazie a 9 genii di AN, uno della Lega Nord e uno dell'UDC, tutti Senatori della Repubblica, che ieri erano assenti dall'Aula, l'emendamento Schifani che avrebbe cassato la retroattività degli Studi di Settore è stato bocciato. Un miliardo di tasse da pagare in più. Sentitamente si ringrazia), una eventuale futura maggioranza di governo, anche di segno politico opposto, si guarderebbe bene dall'abrogarla. Cosa fatta, capo ha (come l'IRAP, sempre bestemmiata e sempre conservata). La presaper il culo, continua.

 
At 2:35 PM, Anonymous prime said...

Complimenti veri Zener.

 
At 4:35 PM, Anonymous LL said...

fb ha detto:
"E sono pronto a scommettere che se una cosa del genere, in qualunque forma anche attenuata, dovesse passare in Parlamento (a proposito, grazie a 9 genii di AN, uno della Lega Nord e uno dell'UDC, tutti Senatori della Repubblica, che ieri erano assenti dall'Aula, l'emendamento Schifani che avrebbe cassato la retroattività degli Studi di Settore è stato bocciato. Un miliardo di tasse da pagare in più. Sentitamente si ringrazia)"


non sò se siano "anche" genii, di certo però sono mantenuti da questo sistema. loro e i loro amici/colleghi.

vogliono confenderci con una pseudo lotta operai/imprenditori liberi professionisti/dipendenti ecc. per continuare a fare i loro sporchi comodi. e lo fanno perchè l'italiano medio si divide invece di prenderli congiuntamente a calci in culo.

 
At 9:48 PM, Anonymous FB said...

Zener!! Eccola la medaglia: :-))

http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2101¶metro=economia

Congratulazioni!!

P.S.: se può consolarti De Gaulle una volta disse "le medaglie non chiedono, non si rifiutano e non si portano". :-)

Ciao

 
At 9:53 PM, Anonymous FB said...

Mi sono mangiato un "si" nella frase di De Gaulle: le medaglie non si chiedono..., sarebbe. Chiedo scusa.

 
At 10:05 PM, Anonymous Anonimo said...

Grazie Fb!
ho visto l'articolo!!!
Grazie per la medaglia che porterò nel cuore!
Zener

 
At 1:20 PM, Anonymous Anonimo said...

LE PAROLE SE RESTANO TALI SONO INUTILI. SONO I FATTI CHE CARATTERIZZANO GLI UOMINI E PER COSI' DIRE LI RENDONO TALI, CIOE' DIVERSI DALLE PECORE.
SVEGLIAMOCI E DECAPIAMO QUESTI MALFATTORI CHE CI GOVERNANO, TUTTI SIA DI DESTRA CHE DI SINISTRA E DI CENTRO. CHIAMIAMO A GOVERNARE CHI HA COMPETENZA, SERIETA', ONESTA' E SENSO REALE E RAZIONALE DELLA GIUSTIZIA. SOLO COSI' QUESTO POPOLO POTRA DIRSI VERAMENTE LIBERO LIBERO

 
At 1:36 PM, Anonymous JOE LO SCERIFFO TELEMATICO said...

Sono perfettamente d'accordo è ora di darsi una sveglia. Svegliamocicicicicici tutti insieme e urliamo basta ai nipoti di coloro che rubavano ieri l'altro, o meglio ai figli di coloro che rubavano ieri.
Si perchè fino ad ieri c'era qualcosa da rubare. Ora per i nostri figli è rimasto veramente poco e non possiamo, non dobbiamo e soprattutto non vogliamo consentire ai malandrini ruminanti di continuare affamare i nostri figli. Hanno già iniziato. non fermarli vorrà dire che il processo di ruberie e di sopprusi vestiti di apparente solidarietà si concluderà, come sempre nella storia degli uomini, nel sangue (non solo degli altri ma anche del nostro). Auguri a tutti noi e soprattutto buona fortuna

 
At 2:00 PM, Anonymous amico dello sceriffo said...

Finalmente c'è chi la pensa come me. Finalmente abbiamo lo sceriffo coraggioso che addita i ladri ed i delinquenti e ci propone di unire le tante forze deboli, le nostre, per promuovere la crociata del ventunesimo secolo in difesa del figlio, di nostro figlio e del suo domani.
Grazie sceriffo. Grazie Zener 1992

 
At 4:45 PM, Anonymous Anonimo said...

[color=#692][b]Buonasera,
io volevo argomentare su a proposito di una cosa che certamente e' un pochino OT, ma nonostante tutto io mi piace pensare che un po di OT sara' gradita. Sono un gentleman di 76 anni, con una insana adorazione per [/b][/color] [url=http://semidicannabis.splinder.com/post/21769402/semi-di-cannabis]semi marijuana[/url] [color=#692][b] e voglio sviluppare questa interesse anche grazie a questo website. Ora che mi sono presentata, non esitate a inviarmi PM.

baci baci

Andrea[/b][/color]

 

Posta un commento

<< Home